Cerca tra le mie ...:...ricette...:...

venerdì 10 novembre 2017

Plumcake BilBolBul

un dolce al cacao, ricetta senza uova

Nella borsa della spesa:
200 g di Farina 00
100 g di Fecola di patate
100 g di Cacao amaro
300 g di Zucchero di canna
1 cucchiaino di cannella in polvere
1 bustina di Lievito per dolci
1 Arancia, la scorza
350 ml di Latte p.s.

Per decorare:
Zucchero a velo q.b.

Nota:
Rispetto alla ricetta classica, ho riadattato le dosi per un plumcake cotto in uno stampo da 25 x 10 x 10 cm
Si tratta di una ricetta fatta senza l’uso di uova, ottima per gli intolleranti, mantiene la fragranza e la bontà di una torta o, come in questo caso, plumcake da colazione o da fine pasto magari accompagnato con una pallina di gelato alla vaniglia.


Vi racconto il “come fare”:
In una ciotola capiente setacciate e mescolate le polveri: farina, fecola, cacao, cannella e lievito. Aggiungete lo zucchero, la scorza d’arancia ed il latte – poco per volta - e iniziate a mescolare tutti gli ingredienti aiutandovi con una frusta a mano. Ottenuto un impasto ben omogeneo, trasferitelo in uno stampo da plumcake foderato con carta da forno (oppure ben imburrato ed infarinato). Infine cuocete in forno preriscaldato a 180°C per 30 minuti. A cottura ultimata, sfornate il dolce e attendete che si raffreddi prima di tirarlo fuori dallo stampo. Da freddo, decorate il plumcake con una spolverata di zucchero a velo prima di servirlo.

Un pizzico di :
Potete gustarlo da solo, con una crema, con del gelato… a fette, a cubetti, per la colazione o come dolce della domenica: è un impasto praticamente versatilissimo quello per la BilBolBul ed è un classico della pasticceria che ci arriva, indenne al passar del tempo, da colei che fù cuoca e gastronoma, Ada Boni, tra le prime a pubblicare una raccolta intitolata “Il talismano della felicità”. La Boni, nelle sue memorie gastronomiche, racconta molte ricette semplicissime spiegando trucchi e segreti a quelle che – in un secolo ormai passato – si apprestavano ai piaceri della tavola in qualità di spose… uno dei primi ricettari in lingua italiana, che ha fatto la storia, così diverso da ciò a cui siamo abituati: nessuna foto mozzafiato, nessuna tecnica spinta di “scomposizione” di ricette ormai navigate, solo i primi rudimenti e la dimostrazione che la cucina semplice, fatta di pancia e di cuore, alla fine non tramonta mai

6 commenti:

  1. Great post. Thanks so much for sharing!

    RispondiElimina
  2. Commenting on other blogs is one of the best ways to generate traffic to your blog. If you read an interesting article, write a compelling comment that offers a unique perspective. Include a link to your blog. The people who read your comment will likely want to read more of what you have to say, and will visit your blog.play bazaar

    RispondiElimina
  3. Figure this number dependent on what you can manage, just as present vehicle esteems. satta king
    play bazaar
    satta matka

    RispondiElimina
  4. Ensure you're doing what you can to preplan your whole battle, from commencement to theorized fulfillment you need to attempt to cover all edges. Satta King
    Play Bazaar

    RispondiElimina
  5. I read this article. I think You put a lot of effort to create this article. I appreciate your work. satta king has turned into a real brand to win more cash in only a brief span. Subsequently individuals are so inquisitive to think about the procedure of the game. Here we have brought a few procedures that will help you in understanding the best approach to gain cash by the sattaking.

    RispondiElimina

Cosa ne pensi? ^_^