venerdì 17 febbraio 2012

Timballi di capellini e cavolfiore


Nella borsa della spesa:
1 Cavolfiore verde di medie dimensioni
1 Cipollotto biondo
4 filetti di Acciughe
4 cucchiai (20 g circa) di Caciocavallo grattugiato (in alternativa, parmigiano)
100 g di formaggio Tuma o Primosale (il mio, tuma al pepe nero)
300 g di Capellini d’angelo (formato di pasta adatto a riempire circa 5-6 stampini)
1 cucchiaio di Passoline e Pinoli
Pangrattato, Sale e Pepe

Per la besciamella:
40 g di Burro
3 cucchiai di Farina
250 g di Latte
Sale, Pepe e Noce moscata



Vi racconto il “come fare”:
Pulite e mondate il cavolfiore, riducendolo a piccoli ciuffi; mettete a bollire una capiente pentola con dell’acqua, quindi – al bollore – buttate il cavolfiore in pentola e cuocetelo per circa 10 minuti. Intanto preparate la vostra besciamella come segue: in un tegamino, lasciate fondere il burro, aggiungete la farina e mescolate energicamente con una frusta manuale fino ad ottenere un roux dorato; aggiungete poco per volta il latte, sempre mescolando energicamente con la frusta, poi lasciate addensare la salsa besciamella per un paio di minuti a fiamma moderata, salate, pepate e arricchite con una spolverata di noce moscata.
Terminato il tempo di cottura del cavolfiore, scolatelo dall’acqua di cottura conservando parte di liquido. Mondate e affettate il cipollotto, trasferirne i pezzetti in un tegame capiente, aggiungete un generoso filo d’olio e rosolate. Aggiungete al soffritto i filetti di acciuga, attendete che si sciolgano, aggiungete il cavolfiore bollito e un mestolo di acqua di cottura (precedentemente tenuta da parte), salate e pepate, aggiungete ancora passoline e pinoli e cuocete per 10 minuti a tegame coperto.
Terminata la seconda cottura del cavolfiore, scoperchiate il tegame e – a fiamma spenta – aggiungete la salsa besciamella e il formaggio grattugiato, mescolate bene per amalgamare tutto il condimento.
Mettete ancora una pentola con dell’acqua sul fuoco ed attendete che arrivi al bollore, servirà per la pasta, intanto riducete a cubetti il formaggio tuma (o altro formaggio a pasta filata); preparate le formine d’alluminio per timballi (in alternativa potrete usare i pirottini d’alluminio usa e getta che si utilizzano per i muffin), ungendole con un filo d’olio e “infarinandole” di pangrattato; accendete il forno a 200°.
Appena la pentola avrà raggiunto il bollore, buttate la pasta – i capellini o altro formato adatto ai timballi, come ad esempio gli anelletti – e lasciate cuocere un solo minuto. Scolate la pasta bene al dente, conditela con buona parte del cavolfiore, non tutto, riempite le formine a metà quindi aggiungete 2-3 cubettini di formaggio e terminate di riempire la formine con altra pasta. Infornate le formine in forno caldo per 10-15 minuti. Non tutto il cavolfiore preparato sarà necessario per condire la pasta, lasciatene da parte 2 mestoli e passate questo condimento residuo al mixer fino ad ottenere una crema che userete come letto per servire i timballini.

Un pizzico di :
Sono in fase di trasloco, mi trasferisco mentalmente al nuovo che mi attende; per carità, divano, letto, cucina e suppellettili resteranno al posto loro… il trasloco di cui parlo è riferito al mio lavoro. Sto per iniziare un nuovo percorso, una strada in parte sconosciuta, quel cambiamento che mi incute un minimo di timore già espresso poche parole fa, e lo faccio – oggi certamente più di ieri, ho maturato la notizia – con la consapevolezza che intraprendere nuove avventure regala comunque un fascino speciale. Sono abbastanza latitante da tutto, anche da me stessa, troppe cose da chiudere, da riordinare, prima di dedicarmi alla nuova avventura, così anche la pecorella che giace in me mostra poco, poche pubblicazioni, pochi post o articoli, pochi commenti e parole dedicate, ma in pentola bolle molto e i miei fornelli sono sempre e pur sempre accesi.



Con questa ventata di cambiamento, vi lascio un timballino e un bacio di buon fine settimana.


p.s. per tutti coloro i quali sono passati da me in questi giorni: grazie! Ho letto e apprezzato i vostri commenti e pian piano passerò anche io da voi a bussare alle porte deliziose delle vostre abitazioni virtuali :)